Stavoli altopiano Pusti Gost

Pusti Gost: escursione ad anello sulle tracce del passato resiano

In un soleggiato weekend di novembre abbiamo raggiunto la Val Resia per percorrere il sentiero Pusti Gost – sulle tracce del passato. Il sentiero, curato dall’Associazione ViviStolvizza, conduce a un meraviglioso altopiano caratterizzato dalla presenza di stavoli che raccontano una antica storia fatta di pastorizia, alpeggio e fatica.

Il percorso in breve:

  • cartografia: cartina Tabacco n°27
  • sentieri: sentiero Pusti Gost (frecce verdi) e CAI 643
  • lunghezza totale: 9 km
  • dislivello: 650 m
  • difficoltà: escursionisti (E)
  • durata: 3 ore e mezza circa
  • periodo consigliato: autunno (ottobre-novembre)

Panorama altopiano Pusti Gost

Anello del Pusti Gost – sulle tracce del passato

L’escursione ad anello alla scoperta dell’altopiano del Pusti Gost e delle antiche tradizioni dell’alpeggio resiano ha inizio dal piccolo parcheggio in via Indrinizza a Stolvizza. Lascita l’auto si risale il parcheggio e si svolta a sinistra in via Alta. A questo punto si prosegue lungo la strada, che presenta una buona pendenza, fino a raggiungere il belvedere Buttolo, da dove si può godere di una meravigliosa visuale sulla catena del Musi e sulla Val Resia. In questo punto, nei giorni a ridosso del Natale e in quelli successivi, prende vita, un presepio vivente dove si può assistere alla spettacolare discesa della stella cadente dal versante della montagna. Il sentiero Pusti Gost inizia proprio a destra di una delle casette utilizzate per il presepio. Il percorso è indicato da ampi cartelli con sfondo bianco, frecce verdi e il simbolo di un cervo.

Punto di partenza sentiero Pusti Gost
Il sentiero Pusti Gost inizia a destra della casetta

Il sentiero ha inizio sin da subito con una buona pendenza ma dopo circa un’ora di camminata e poco meno di 2 km si incontra il primo punto scenografico del sentiero: la cascata del Rio Lemming. Tirate un sospiro di sollievo: avete già fatto i primi 300 metri di dislivello e tutta la salita dell’escursione si concentra in questa punto.

Cascata Rio Lemming
Cascata Rio Lemming

Superata la cascata si continua sul sentiero che prosegue sulla sinistra attraversando un piccolo ponticello sul fiume Lemming (sulla destra ha inizio il sentiero che porta al Ricovero Crasso). Il sentiero si snoda all’interno di un bosco di pino nero e ha sempre una buona pendenza. A questo punto manca l’ultimo km di salita per concludere la parte più impegnativa del sentiero, infatti in poco tempo arriverete alla piccola cappella e inizierete a vedere i primi stavoli.

Cappella al termine del sentiero

Alla scoperta degli antichi stavoli resiani

Superata la cappella ha inizio la mulattiera che porta, con un percorso ad anello, alla scoperta degli antichi stavoli utilizzati dagli abitanti del luogo per portare gli animali in alpeggio durante la stagione estiva. Al giorno d’oggi gran parte degli stavoli sono diroccati o chiusi. Il percorso segue in parte il rio Lemming e si snoda all’interno di faggete, costeggiando piccoli muretti a secco.

Raggiunto l’ultimo stavolo, posto più in alto sulla destra, ha inizio il ritorno. Il sentiero discende per alcuni metri per poi risalire nel bosco e imboccare sulla sinistra il CAI 643. Il sentiero, proseguendo nel bosco, scende fino a raggiungere una piccola sella dove presenti altri stavoli: i piccoli stavoli Tuurse. A questo punto il sentiero rientra nel bosco e si allarga a diventare una mulattiera. Dopo alcune svolte si raggiungono le case di Ladina, al termine della quali si riprende la strada asflatata per far rientro a Stolvizza.

Il sentiero del Pusti Gost è un escursione ad anello che si snoda completamente nel bosco, perfetta per una stagione super colorata come l’autunno!

Come arrivare?

Per raggiungere la frazione di Stolvizza in Val Resia si segue la SS Pontebbana 13. Superato il comune di Moggio (che si lascia sulla sinistra) si prosegue sulla SS per poi svoltare a destra, poco prima del comune di Resiutta, seguendo i cartelli per la “Val Resia”. Superato il ponte sul fiume Resia si svolta a destra e si prosegue lungo la strada che attraversa tutta la valle (SP 42). Superata la frazione di Poclanaz, dopo alcune svolte, la strada prosegue sulla destra. A questo punto seguite le indicazioni per la frazione di Stolvizza. Raggiunto il piccolo borgo si supera il primo bar e si svolta a destra in direzione “Museo dell’Arrotino”. Lasciate la macchina nel primo parcheggio disponibile sulla sinistra in via Indrinizza (parcheggio in salita), l’escursione all’altopiano del Pusti Gost ha inizio qui!

Informazioni utili:

Il sentiero Pusti Gost è stato realizzato e continua ad essere mantenuto dallAssociazione ViviStolvizza. L’Associazione si occupa di promuovere il territorio di Stolvizza, frazione della Val Resia, attraverso sentieri escursionistici, come il Pusti Gost, e la creazione e promozione di numerosi eventi.

L’escursione all’altopiano del Pusti Gost alla scoperta delle antiche tradizioni dell’alpeggio resiano è di media difficoltà (escursionistica – E); se desiderate scoprire altre escursioni simili in Friuli Venezia Giulia potete trovarle altre idee qui.


Sentiero Pusti Gost

Avvertenza per le vostre escursioni in Val Resia!

In seguito all’incendio scoppiato in Val Resia nell’estate del 2022 la strada per raggiungere la valle, per un paio di km, è a senso unico alternato e controllata da un semaforo. L’attesa al semaforo può raggiungere, nel peggiore dei casi, i 10 minuti. Durante l’estate del 2023 hanno preso avvio i lavori per mettere in sicurezza il pendio della montagna, pertanto si spera che il tratto a senso unico alternato e la durata del semaforo inizino a diminuire.

Se questo articolo vi è piaciuto, seguiteci su Instagram per scoprire le nostre prossime avventure e salvate il pin su Pinterest!

Cartina tabacco Cartina tabacco n27
Difficolta Difficoltà E
Tempo complessivo Tempo complessivo 3,5h
Distanza Distanza 9km
Dislivello positivo Dislivello positivo 650m
Mese consigliato Mese consigliato OTT
Relazione PDF Relazione PDF
Traccia GPX Traccia GPX

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *