Lago di Bled.

Una giornata al lago di Bled

Castello di Bled

Close

📍 Grajska cesta, Bled

Orari di apertura: 

da gennaio a marzo e nei mesi di novembre e dicembre: tutti i giorni, dalle 8:00 alle 18:00;

da aprile a giugno e nei mesi di settembre e ottobre: tutti i giorni, dalle 8:00 alle 20:00;

nei mesi di luglio e agosto: tutti i giorni, dalle 8:00 alle 21:00;

🎫 Biglietti: 

intero 11,00€; studenti universitari 7,00€; fino ai 14 anni 5,00€; gratuito, bambino accompagnato da due genitori paganti, ogni 21 persone una persona entra gratis; sconti per i gruppi superiori a 10 persone. 

Ulteriori informazioni e dettagli li potete trovare al sito: http://www.blejski-grad.si/it

È il mese di giugno, l’aria ha iniziato ad essere calda e Christian ha deciso di portarmi in un posto speciale, a pochi chilometri da casa nostra: andremo su lago di Bled, nella vicina e verde Slovenia.

Il lago di Bled, in sloveno Blejsko jezero è circondato dalle Alpi Giulie e oggi è riccamente sfruttato come centro termale e turistico.

Una delle bellezze del Friuli, oltre ai sorprendenti paesaggi, è anche la sua posizione: incastonato tra l’Austria e la Slovenia. Questo ci permette di raggiungere in poche ore di strada località fantastiche per trascorrere delle giornate lontano dalla nostra quotidianità.

Il lago di Bled, di origine glaciale, ci accoglie con il suo colore azzurro verdolino, illuminato dai primi raggi solari. La nostra attenzione viene subito attirata dalla piccola chiesetta situata in cima all’isola, che si trova al centro del luminoso specchio d’acqua.

Iniziamo la nostra giornata in completa tranquillità con la visita al castello.

Il Castello di Bled si trova in cima a una ripida rupe, in una posizione strategica, che permette di controlla e “dominare” l’intero lago. La salita alla rocca è abbastanza leggera, tra scalini e sentieri immersi nella natura.

Vista sul lago di Bled dal castello

Info: tutto il lago di Bled è circondato da un bellissimo percorso escursionistico di 6 km, facilmente percorribile. Vi consigliamo di indossare un paio di scarpe abbastanza comode, per proseguire la vostra giornata in completa tranquillità. Anche perché il lago nasconde numerosi segreti!

Arrivati in cima e attraversato il ponte levatoio, entriamo all’interno delle robuste mura. L’interno del castello ospita diverse mostre e un museo sulla storia del lago, ma la bellezza risiede nella sua struttura. Si tratta di un castello di origine medievale, caratterizzato da una struttura con doppia fortificazione. Infatti, per la sua posizione strategica sulla cittadina di Bled è stata per molto tempo conteso.

Dopo aver visitato il castello e gli edifici circostanti, e naturalmente dopo aver scattato numerose foto al bellissimo panorama, decidiamo di riportare i nostri piedi a terra e di iniziare il nostro giretto attorno al lago.

La camminata è molto tranquilla e circondata dalla natura, per gran parte del tragitto si costeggia il lago dove si possono incontrare numerosi gruppetti di anatre e i maestosi cigni bianchi.

Lago di Bled

Il percorso è dotato di tutti i comfort, come più o meno tutte le località turistiche della Slovenia. Lungo il percorso si possono trovare i servizi igienici e vari spazi liberi dove potersi soffermare per un bagno nelle acque del lago, per la tintarella d’estate o semplicemente per leggere un bel libro.

Curiosità: sul lago di Bled da numerosi anni si pratica il canottaggio, durante la nostra camminata abbiamo incontrato diverse squadre che si stavano allenando. Abbiamo scoperto che molto spesso vengono organizzate manifestazione a tema e si svolgono anche delle vere gare sportive.

Terminiamo la nostra passeggiata e ci fermiamo per un piccolo picnic (il più delle volte quando non conosciamo un luogo e soprattutto quando vogliamo risparmiare per il prossimo viaggio ci portiamo il pranzo da casa, un panino e una bottiglietta d’acqua e siamo pronti per la prossima avventura).

La prossima tappa è l’isolotto al centro del lago.

L’isola è raggiungibile attraverso due modalità: si può noleggiare una barca a remi e navigare cullati dalle correnti dell’acqua; oppure si può salire a bordo di una “Pletna”, una delle piccole imbarcazioni tipiche del luogo, che fanno da spola.

Pletna slovena

Noi siamo saliti su una Pletna insieme a un gruppo di coreani in viaggio, Christian temeva saremmo caduti entrambe in acqua se avessimo provato a remare (il costo della traversata varia in base al numero di persone trasportate, se la barca è piena il costo è di circa 5 euro a persona).

Raggiunta l’isola ci aspettano 99 scalini che ci  portano alla Chiesa di Santa Maria Assunta, che si staglia in alto. Superata la prova in modo brillante e  raggiunta la sommità ci troviamo circondati da numerosi edifici, tra cui il longilineo campanile.

Questo luogo è caratterizzato dalla presenza di numerose leggende riguardo i suoi abitanti e la sua storia. La leggenda che mi ha colpito di più, sicuramente, riguarda la piccola campanella che si trova all’interno della Chiesa: si chiama “campana dei desideri”. La leggenda narra che se si suona la campana dopo aver espresso un desiderio, il desiderio si realizzerà!

Ecco, dopo aver espresso il nostro desiderio decidiamo di lasciare questa favolosa isola e tutti i suoi segreti. Sperando che i nostri sogni si realizzino sempre.

Se questo articolo vi è piaciuto, seguiteci su Instagram per scoprire le nostre prossime avventure. 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *