Cosa mangiare in Austria – viaggio nella cucina austriaca

Zuppa di cipolle

Close

Una delle zuppe più conosciute e amate dagli austriaci è la Zwiebelsuppe, conosciuta anche come Franzosische Zwiebelsuppe, per le sue origini francesi (anche se la ricetta austriaca è meno elaborata di quella francese).

Questa pietanza ha un’origine assai antica, alcuni la fanno risalire all’Antica Roma.

Si tratta di una zuppa a base di cipolle bianche (che la tradizione austriaca vuole molto liquida) accompagnata da crostini di pane aromatizzati al formaggio.

In poche parole la semplicità in tavola!

Le zuppe sono un piatto forte della cucina austriaca e molto spesso vengono considerate degli antipasti o dei contorni.

Le zuppe vengono preparate tutto il tempo dell’anno e sono realizzate con gli ortaggi di stagione. Molto conosciute sono anche: la zuppa al pomodoro e quella alla zucca.

Wiener Schnitzel

Close

La Wiener Schnitzel è forse il piatto più conosciuto della cucina austriaca. Consiste in una sottile fetta di vitello impanata e fritta nello strutto (grasso presente nel tessuto adiposo del maiale).

La carne impanata e fritta viene servita con una foglia di lattuga, una fettina di limone e la tipica insalata di patate, spesso sostituita con le pommes frites (le patatine fritte).

L’insalata di patate è un tipico piatto della cucina tedesca. Si tratta anche di un tipico contorno della cucina austriaca realizzata con patate lesse condite con aceto e olio o maionese.

Esiste una versione della Wiener Schnitzel fatta con la carne di maiale, chiamata anche Wiener Schnitzel vom Schwein. La carne di maiale può essere anche affumicata.

La Wiener Schnitzel è stata per molti anni al centro di una disputa con la cotoletta alla milanese. Piatto tipico della cucina milanese e italiana. Chi ha copiato chi?

Gulasch

Close

Il Gulasch è uno spezzatino di carne di maiale preparato con bocconcini di carne di manzo, paprica e un soffritto di cipolle e carote.

Esiste anche una versione del piatto molto più liquida: la Gulaschsuppe.

Il gulasch è una pietanza dalle origini molto antiche, attribuite ai mandriani ungheresi che trasportavano i manzi grigi dalla carne molto pregiata. La carne di maiale veniva cotta in grandi paioli appesi sopra dei fuochi all’aperto. Solo nel 1700 questo piatto raggiunse le tavole della famiglie borghesi e iniziò la sua diffusione.

Oggi è un piatto tipico della cucina austriaca e ungherese.

Torta Sacher

Close

La Sacher è una torta al cioccolato composta da due strati di pan di spagna al cioccolato separati da uno strato di marmellata alle albicocche, poi ricoperta da uno strato di glassa al cioccolato fondente.

La torta viene servita a una temperatura di 16-18 gradi, accompagnata da panna montata e servita con una tazza di tè o caffè.

Esistono due ricette ufficiali della Sachertorte e questo ha portata a numerose contese giudiziarie tra le pasticcerie viennesi. Anche al giorno d’oggi la ricetta ‘segreta’ della torta Sacher è custodita dalla pasticceria dell’Hotel Sacher di Vienna.

La Sachertorte fu inventata dal sedicenne Franz Sacher per il principe Klemens von Metternich nel luglio del 1832 in occasione di un pranzo ufficiale. 

Strudel

Close

Lo Strudel è un dolce molto antico. Dagli assiri, ai greci per divenire dolce tipico delle regioni del Nord Italia e dell’Austria.

Lo Strudel è un dolce composto da una pasta arrotolata ripiena di mele, pinoli, uvetta e una spruzzata di cannella.

Ogni luogo ha la sua ricetta tradizionale: con la pasta frolla, la pasta da strudel o la pasta sfoglia.

Gli ingredienti base sono lo zucchero, il rosso d’uovo, l’uvetta, la cannella, le mele e le noci (molto spesso sostituite dai pinoli). Esistono anche versioni con altri tipi di frutti.

La ricetta ‘base’ dello strudel viene usata anche per realizzate delle deliziose torta salate! 

Austria: natura, tradizioni e cucina.

Oggi, dalla nostra esperienza poco più che ventennale, vi vogliamo proporre alcune pietanze della cucina austriaca che secondo i nostri palati meritano almeno un assaggio!

Perchè conosciamo così bene la cucina austriaca?

La regione austriaca della Carinzia confina con il nostro bellissimo Friuli Venezia Giulia. Ecco spiegato uno dei tanti motivi per cui la nostra regione è fantastica. In pochi km possiamo raggiungere due Stati diversi: l’Austria e la Slovenia. Fantastico!

È così che sin da piccolini i nostri genitori ci hanno sempre portato “oltre confine” per vedere nuovi paesaggi, ascoltare lingue diverse, assaggiare nuovi piatti e familiarizzare con nuovi sapori.

Per “assaggiare nuovi piatti”… ecco, quando si è piccolini la cucina austriaca piace molto. Sapete perché? Uno dei piatti tipici austriaci e forse il più conosciuto è la Wiener Schnitzel mit pommes frites, niente meno che una bella milanese con le patatine fritte. In poche parole il sogno di ogni bambino.

La cucina austriaca è molto legata ai Paesi che storicamente appartenevano all’Impero Austro-ungarico, come Repubblica Ceca, Ungheria, Germania e anche il Nord Italia.

Ecco a voi le nostre scelte:
Zwiebelsuppe

Altre informazioni sulla piatto le potete trovare qui

Zwiebelsuppe- cucina austriaca

Wiener Schnitzel

Altre informazioni sul piatto le potete trovare qui

Wiener Schnitzel- cucina austriaca

Gulasch

Altre informazioni sul piatto le potete trovare qui

Gulash - cucina austriaca

Sachertorte

Altre informazioni sul piatto le potete trovare qui

Torta Sacher - cucina austriaca

Strudel

Altre informazioni sul piatto le potete trovare qui

Strudel - cucina austriaca

Bier

Bier

Alcune informazioni utili per chi si approccia per la 1° volta alla cucina austriaca:
  • Alcune pietanze hanno sapori molto forti. Il peperoncino viene usato molto spesso per insaporire le carni.
  • I secondi piatti vengono sempre guarniti con delle salse. Tipico austriaco è abbinare il dolce con il salato. Non preoccupatevi quindi se accanto alla carne trovate una ciotolina con la marmellata di frutti di bosco. Anzi provatela! Alla sottoscritta questi abbinamenti ‘particolari’ sono sempre piaciuti anche se non sono ancora riuscita a convincere Christian delle loro bontà…
Buon appetito avventurieri!

Se questo articolo vi è piaciuto, seguiteci su Instagram per le nostre prossime avventure. 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.