Veronica

Alla scoperta del Fontanon di Goriuda

Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie

Close

Il Parco naturale regionale delle Prealpi Giulia è un’area naturale protetta della regione Friuli-Venezia Giulia.

Il parco venne istituito nel 1996 e si estende su un’area di circa 100 km² compresa tra i comuni di Chiusaforte, Lusevera, Moggio Udinese, Resia, Resiutta e Venzone (tutti in provincia di Udine).

Il territorio del parco di estende tra le Prealpi e le Alpi Giulie. Le cime principali sono li monte Canin (2.587 m), il monte Plauris (1.958 m) e la catena dei Monti Musi (1.869 m).

La sede del parco si trova nella frazione di Prato nel comune di Resia.

Ulteriori informazioni e dettagli li potete trovare sul sito ufficiale del Parco cliccando qui.

Siamo pronti a ripartire dopo questi mesi di lockdown e siamo pronti a farlo dalla nostra bellissima regione, il Friuli-Venezia Giulia, e da una delle sue più belle cascate: il Fontanon di Goriuda.

Oggi abbiamo deciso di portarvi con noi alla scoperta della Cascata del Sole, conosciuta come il Fontanon di Goriuda.

Fontanon di Goriuda visto dall'alto

Si tratta di una bellissima cascata, raggiungibile facilmente da tutti attraverso un breve percorso che si snoda in un piccolo bosco di faggi.

Ci troviamo nel Parco naturale regionale delle Prealpi Giulie , più precisamente in Val Raccolana. La Val Raccolana è una vallata lunga 13 km nel comune di Chiusaforte, in provincia di Udine.

Le acque limpide del Fontanon di Goriuda sono da sempre ricoperte da un mistero. Sgorgano da una piega della montagna dove è presente un’ampia caverna e provengono dal monte Canin.

L’ampia cascata, prima di gettarsi nel piccolo laghetto dal color smeraldo, realizza un salto di circa 8 metri. Il laghetto sottostante lentamente si restringe e da vita a un piccolo fiumiciattolo che prosegue la propria corsa con numerosi salti. Una delle principali caratteristiche del Fontanon di Goriuda è la possibilità di guardarlo da una differente prospettiva: da dietro.Fontanon di Goriuda visto di lato

Attenzione: il getto dell’acqua è molto forte, soprattutto se i giorni precedenti ha piovuto. Il consiglio della Veronica “freddolosa” è quella di portarsi una piccola giacca anti-vento o un impermeabile. La temperatura dell’acqua non è per nulla calda. 

La grandezza di questa cascata e il suo ampio getto d’acqua ci hanno lasciato letteralmente senza parole. Per molto tempo abbiamo desiderato visitarla e scoprire che il percorso per raggiungerla è così facile ci ha sorpreso.

Miti & leggende sul Fontanon

Si narra che Goriuda, un orco spaventoso, si divertisse a spaventare e terrorizzare gli abitanti del Val Raccolana con i suoi movimenti. Insieme a Goriuda vivevano dei piccoli nani, chiamati Goriuz. Goriuda e i Goriuz adoravano nascondersi nelle piccole caverne e grotte che si creavano lungo i pendi della montagna. Dimora preferita di Goriuda era l’ampia grotta da cui scendevano le fresche acque del Monte Canin, le quali davano vita alla “Cascata del Sole”, oggi appunto chiamata “Fontanon di Goriuda”.

Potenza del Fontanon di Goriuda

Come arrivare?

Per raggiungere il Fontanon di Goriuda prendete la strada Statale 13 Pontebbana risalendo il Friuli (verso l’Austria). Attraversate i comuni di Moggio, Resiutta e raggiungete Chiusaforte. Rimanendo sulla statale, non dovete entrare nel piccolo centro abitato, svoltate a destra all’incrocio, attraversando il ponte sul Fella. Seguite le indicazione per la frazione di Sella Nevea, la famosa località sciistica. Oltrepassate le case di Raccolana, imboccate l’omonima valle e risalitela per circa 10 km. Raggiungete la zona di Pian della Siega dove sulla sinistra troverete un agriturismo. Parcheggiate lungo la strada o nel piazzale dell’agriturismo e imboccate il piccolo sentiero indicato sulla destra da un ampio segnale. Non potete sbagliare!

Informazioni pratiche:

La passeggiata per raggiungere il Fontanon di Goriuda ha un durata di circa 15 minuti con un dislivello positivo di 100 metri.

Noi abbiamo realizzato un piccolo percorso ad anello: imboccato il sentiero sulla destra, raggiungiamo la cascata e proseguiamo la camminata passando dietro l’ampio getto d’acqua. Successivamente seguiamo il piccolo sentiero che si apre esattamente di fronte alla cascata, costeggiando il fiumiciattolo che prende vita dal laghetto color smeraldo. Vi è anche la possibilità  di proseguire la camminata visitando la caverna da dove hanno origine le acque delle cascate.

Per realizzare questo percorso ci siamo affidati al libro “I Sentieri dell’Acqua” di Sentieri Natura (percorso n°33). Cliccando qui potete trovare i vari percorsi consigliati per visitare queste meraviglia della natura.

Fontanon di Goriuda visto da davanti

Questa favolosa cascata ha insita dentro di sé la forza e la grandezza della natura. Riuscite a sentire il rumore delle sue acque che scrosciano? Il verde della natura, il grigio della montagna, la violenza dell’acqua regalano una bellissima sensazione di libertà.

Venite con noi alla scoper questi piccoli paradisi del Friuli-Venezia Giulia!

Se questo articolo vi è piaciuto, seguiteci su Instagram per scoprire le nostre prossime avventure.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *